Lodi allo schermo

Frammenti di un Maestro

a cura di Francesca Caprino

Con questa piccola rassegna proponiamo una selezione di risorse audiovisive dedicate a Mario Lodi e realizzate prima della sua scomparsa, in un arco temporale che va dall’inizio degli anni Settanta al primo decennio del nuovo secolo. Reportage, documentari e interviste compongono un ritratto vivo e attualissimo del grande maestro e del suo instancabile impegno per la costruzione di una scuola democratica e a misura di bambino.

Il paese sbagliato

RAI Radio Televisione Italiana | Genere: reportage | Anno: 1970 | Durata 6’

Breve servizio televisivo. Si discute di quali siano i fattori in grado di favorire il successo scolastico del bambino nei suoi primi anni di formazione e si presenta il libro “Il paese sbagliato” dove Lodi espone a genitori e insegnanti la sua visione della scuola. In una breve intervista il maestro parla del suo metodo, incentrato sulla cooperazione e sulle esperienze di vita dei bambini.

Una giornata nella scuola di Mario Lodi

RAI Radio Televisione Italiana – | Genere: reportage| Anno: 1971 | Durata 27’ 

Reportage televisivo della RAI realizzato nell’ambito del programma “Sapere” e trasmesso nella quarta puntata del ciclo denominato “i minori e la legge”.

Il filmato documenta una giornata di una classe di prima elementare a Vho di Piadena.

I bambini, guidati dal maestro per le strade e nei campi del paese, raccolgono fiori e insetti, osservano i mutamenti del cielo e del clima. In classe Lodi accompagna i suoi alunni, senza l’ausilio dei libri di testo, in un percorso di scoperta, di analisi e di interpretazione dei fenomeni naturali e nella rielaborazione di quanto appreso in disegni, tabelle e piccoli libri auto-prodotti che racchiudono non solo le conoscenze acquisite ma anche la visione estetica e le emozioni dei bambini.

Un programma delle “piccole cose” che valorizza la naturale curiosità dei più piccoli, i loro linguaggi, la loro corporeità, i loro bisogni.

Partire dal bambino

Regia: Vittorio De Seta | Genere: reportage| Anno: 1979 | Durata 32’ 

Reportage televisivo realizzato da Vittorio De Seta, padre nobile del documentario italiano, per la serie “Quando La scuola cambia”, trasmessa dalla RAI in quattro puntate.

Il regista ci porta una quarta classe dove i bambini hanno raccolto un fondo cassa e costituito una piccola cooperativa: si devono ora occupare di decisioni che riguardano la gestione delle risorse, fare un bilancio, prendere degli impegni rendere conto dei soldi spesi. Lavorando insieme apprendono i fondamenti della matematica, dell’economia e al tempo stesso imparano a essere cittadini critici e attivi in grado di costruire una società civile ovvero una società “che cerca di adattare sé stessa alla crescita umana e sociale dell’uomo”

L’arte del bambino

CRSDA Centro Regionale per i Servizi Didattici e Audiovisivi | Genere: video-lezione| Anno: 1992 | Durata 24’

Breve filmato didattico nel quale Mario Lodi (che ne è il supervisore scientifico) illustra dei percorsi di educazione all’immagine incentrati sul linguaggio della pittura, un’arte che il bambino sviluppa nel corso della sua crescita in modo ludico. Lodi spiega i canoni e le soluzioni tecniche della pittura infantile dalle prime tracce casuali alle successive rappresentazioni grafiche che raccontano il mondo circostante, un mondo dipinto non già come è ma come è percepito dai sensi, ma colorato e plasmato dalle emozioni con sorprendenti invenzioni che rendono visibile l’invisibile.

L’educazione democratica nel pensiero e nell’opera di Mario Lodi. Juri Meda intervista Mario Lodi

Università di Macerata | Genere: video intervista | Anno: 2008 | Durata 1h21

Lunga e densa intervista realizzata in occasione del sessantesimo anniversario della Repubblica Italiana.

Mario Lodi ripercorre le vicende della scuola attraverso le sue esperienze di scolaro, di studente e di maestro. Il suo racconto rievoca l’autoritarismo, l’ideologizzazione, il culto della personalità e la militarizzazione della scuola durante gli anni del fascismo, ricorda gli studi magistrali, dove poco o nessuno spazio è dato alla conoscenza del bambino, le prime esperienze di insegnamento, l’epifania di una nuova visione dell’educazione e il successivo lungo e fecondo lavoro di innovazione e democratizzazione della scuola del dopoguerra reso più organico e incisivo dall’incontro con il Movimento di Cooperazione Educativa. Su tutto emerge la profonda adesione ai valori costituzionali e lo sforzo incessante di tradurli in azione educativa.

Se i bambini non parlano. Intervista a Mario Lodi

Centro Zaffiria | Genere: video intervista | Anno: 2009 | Durata 19’

Intervista realizzata a Bellaria, in occasione dell’evento “Medi@tando”, la biennale dedicata all’educazione ai mass media. Mario Lodi parla del suo rapporto con il mezzo televisivo, di cui immagina giovanissimo l’enorme potenziale di strumento per l’educazione e la crescita culturale del paese, una promessa tradita dall’involuzione di questo mezzo. A nulla servono gli appelli di studiosi e intellettuali per un’altra televisione, più ricca, libera e creativa.

Cosa può fare la scuola di fronte a un mezzo televisivo potente ma al tempo stesso pericoloso?

Lodi intervistato da Andrea Canevaro

Università di Bologna | Genere: video intervista | Anno: 2010 | Durata 17’   

Il pedagogista Andrea Canevaro intervista il maestro Lodi che torna a temi a lui cari: la costituzione, la cittadinanza, la partecipazione. Il filmato mostra anche alcuni dei lavori pittorici realizzati dagli alunni del maestro.

Mario Lodi a 100 anni dalla nascita, 1922-2022: scopri lo Speciale su RAI Cultura